VivaToscana alla fiera BTO Buying Tourism Online

Anche quest’anno consueto appuntamento in BTO arrivata ormai alla sua decima edizione, tra racconti di scenari futuri, contest di start up, sperimentazioni sull’uso degli strumenti digitali per connettersi in modo accattivante con il proprio pubblico, analisi dei problemi etici dell’era dell’intelligenza artificiale, proposte alla scoperta di luoghi magici in cui il viaggio è considerato ancora un’esperienza di valore.

BTO20

VivaFirenze sarà presente nella sessione Short Stories dalla Toscana il 30 novembre alle 15.30 nella zona ARENA dedicata alle “presentations”.
Saremo all’interno di un panel coordinato dal direttore di Toscana Promozione Turistica Alberto Peruzzini e condivideremo con altre due realtà il racconto di una Toscana che mette al centro sostenibilità, accessibilità, responsabilità.

Sarà l’occasione per presentare la home page del nuovo portale VivaToscana, declinazione regionale dell’attuale VivaFirenze. Il portale regionale sarà online per la fine dell’anno con i nuovi progetti territoriali da sostenere, nello stile di Life Beyond Tourism.

Ricordiamo che il concorso lanciato a settembre dal World Tourism Unesco a Siena, per candidare nuovi progetti di conservazione e di valorizzazione del patrimonio, a grande richiesta è stato prorogato al 15 dicembre per dare ancora possibilità alle associazioni del nostro territorio di proporre le proprie idee. I progetti vincitori saranno inseriti nel portale di VivaToscana. Novità interessante è che i viaggiatori potranno – se lo desiderano – visitare i progetti selezionati, conoscendoli e magari “vivendoli” attraverso le esperienze che saranno proposte e gestite dalle associazioni stesse.

Con VivaToscana la rete dei progetti sostenuti si allarga insieme a quella delle strutture per dare la possibilità a chi viaggia in questa magnifica regione di avere attenzione e di sentirsi sempre più in relazione con i territori visitati, il loro patrimonio e le comunità che vi vivono.

Call for ideas “Vivatoscana” – partecipa con il tuo progetto!

******Siamo entrati nella fase finale della selezione dei nuovi progetti che saranno sostenuti da VivaToscana. Seguiteci su questa pagina per aggiornamenti! ******

————————————-

Il portale VIVATOSCANA sarà presto attivo. Da questa pagina è possibile scaricare i materiali utili per partecipare alla “call for ideas” e presentare i progetti che saranno finanziati!

CALL FOR IDEAS: CANDIDA IL TUO PROGETTO PER VIVATOSCANA! Scadenza per aderire: 15 dicembre 2017 (nuova scadenza)

ATTENZIONE!!! A grande richiesta abbiamo deciso di prorogare la scadenza del concorso al 15 dicembre! Quindi ci sono ancora 30 gg di tempo per partecipare! Ricordiamo che per dubbi e informazioni potete contattarci a progetto@vivatoscana.beyondtourism.net

 

MATERIALI DA SCARICARE (clicca per scaricare i documenti):

PRESENTAZIONE E REGOLAMENTO

- SCHEDA DI ADESIONE (PRESENTAZIONE PROGETTO)

- GUIDA ALLA COMPILAZIONE DELLA SCHEDA DI ADESIONE

- CONTRATTO DI AFFILIAZIONE PER LE STRUTTURE RICETTIVE

NOTA AL CONTRATTO DI AFFILIAZIONE: INFO PER LE STRUTTURE RICETTIVE

FAQ – DOMANDE FREQUENTI

VOLANTINO

Flyer-Vivatoscana-1

Entro la fine dell’anno sarà online il portale VivaToscana, la versione regionale di VivaFirenze.it. Si tratta di portali turistici no-profit che, oltre alla prenotazione del soggiorno, propongono al viaggiatore la possibilità di sostenere economicamente e valorizzare il patrimonio artistico e culturale della Regione senza alcuna spesa aggiuntiva. Grazie alla sua prenotazione infatti il valore della transazione viene donato al progetto prescelto e il viaggiatore può decidere durante il soggiorno di “viverlo” recandosi presso la sede del progetto stesso. Fino al 15 DICEMBRE 2017 (la deadline è stata estesa a questa data) è possibile inviare la candidatura di nuovi progetti che valorizzino il patrimonio artistico e culturale della Toscana in ogni sua forma. Si cercano progetti originali o che facciano parte di un’azione più grande e sviluppata anche a livello nazionale o già avviata. Il progetto può riguardare interventi sul patrimonio artistico, culturale, museale, archivistico e naturale. Ogni progetto deve essere orientato alla valorizzazione e conservazione del patrimonio toscano e allo stesso tempo deve proporre un’attività al viaggiatore fruibile da una o più persone, che sarà poi gestita in modo autonomo dal soggetto proponente. Il progetto e la relativa attività devono essere valorizzate e condivise anche da (minimo) due strutture ricettive che si affilieranno gratuitamente a VivaFirenze.it (che evolverà poi in VivaToscana con la pubblicazione entro fine anno): l’obiettivo del concorso infatti, oltre a selezionare i progetti più meritevoli, è quello di coinvolgere strutture ricettive e dar loro visibilità pubblicandole sul portale senza alcun costo. Come funziona il portale? Il meccanismo è molto semplice: il sistema guida il viaggiatore nella ricerca e prenotazione di un alloggio con una tecnologia del tutto assimilabile ai grandi colossi delle vendite on line. Ma la vera specificità di VivaFirenze e di VivaToscana è quella di contribuire alla salvaguardia del  patrimonio artistico e culturale in maniera del tutto gratuita, è ciò che differenzia il portale e permette di proporre al viaggiatore il valore aggiunto del suo coinvolgimento emozionale a favore del territorio. Per partecipare invia entro il 15 DICEMBRE 2017 (nuova deadline) i seguenti materiali a progetto@vivatoscana.beyondtourism.net: - SCHEDA DI ADESIONE (PRESENTAZIONE PROGETTO) COMPLETA IN TUTTE LE SUE PARTI – CONTRATTI DI AFFILIAZIONE FIRMATI DALLE STRUTTURE Per ogni tuo dubbio scrivici a progetto@vivatoscana.beyondtourism.net! Ti aspettiamo!

Vivafirenze vince con Travelability il Premio per il Turismo Responsabile Italiano!

Siamo felici di annunciare che la testata di settore L’Agenzia di Viaggi ci ha assegnato il Premio per il Turismo Responsabile Italiano 2017 per la categoria “agenzia di viaggio”. La proposta candidata al premio è stata pensata e formulata assieme a Travelability, società specializzata nel turismo assistito rivolto ad anziani e disabili: si tratta di un itinerario turistico tra Firenze e il Chianti, completamente accessibile e in grado di sostenere il patrimonio artistico e culturale locale con una donazione generata dalla prenotazione online della struttura ricettiva su Vivafirenze.it.

Il riconoscimento sarà consegnato sabato 23 settembre a Siena all’interno della manifestazione WTU – World Tourism Unesco.

italy-528927_960_720

Il 2017 è stato decretato dall’Assemblea Generale delle Nazioni Unite anno del turismo sostenibile con l’obiettivo di sottolineare con forza l’esigenza di un turismo consapevole, rispettoso delle culture e dell’ambiente. Il premio arriva alle due realtà proprio in questo anno particolare, dedicato alla promozione di un turismo responsabile, che contribuisce a sviluppare una cultura dell’accoglienza più attenta.

VivaFirenze.it, il primo portale innovativo e gratuito di prenotazioni alberghiere no profit, e Travelability, leader nell’organizzare viaggi assistiti e personalizzati per tutte le persone in condizioni di disabilità o con particolari esigenze sanitarie, hanno collaborato alla redazione di un itinerario turistico tra Firenze e il Chianti, completamente accessibile e in grado di sostenere il patrimonio artistico e culturale locale con una donazione generata dalla prenotazione online della struttura ricettiva su Vivafirenze.it. Il cuore del portale è infatti rappresentato dalla possibilità di contribuire a progetti di conservazione e valorizzazione del territorio locale senza alcun costo aggiuntivo per il viaggiatore.

Nato dall’esperienza della Fondazione Romualdo Del Bianco, che dal 1991 ha avviato progetti ed attività per sostenere il Patrimonio Culturale e per favorire la conoscenza interpersonale dando al turismo un rinnovato senso, Vivafirenze.it è il primo portale che combina e integra i servizi di prenotazione alberghiera con una raccolta di fondi a favore del patrimonio artistico, architettonico e culturale locale. Un business innovativo nel settore turistico che nasce da un progetto culturale che gli attribuisce un’anima, una serietà accademica ed un respiro internazionale, replicabile in altre destinazioni del mondo nell’ambito dell’orientamento Life Beyond Tourism.

Domenica 24 settembre alle ore 16.00 all’interno di WTU – World Tourism Unesco a Siena, Life Beyond Tourism incontrerà il pubblico in un evento dedicato alle buone pratiche del turismo responsabile, alle novità di Vivafirenze.it e alle novità internazionali della “Fondazione Romualdo del Bianco – Life Beyond Tourism”.

Leader nell’assistenza alla persona e nel turismo, Travelability organizza viaggi assistiti e personalizzati per tutte le persone in condizioni di disabilità, di non autosufficienza o con particolari patologie, offrendo un supporto di assistenza di alto livello e un’esperienza unica, fuori dai circuiti tradizionali. Per offrire un servizio di eccellenza, Travelability si avvale di una équipe formata da medici, infermieri, assistenti affiancati dalle più accreditate strutture operanti sul territorio.

Appuntamento al WTU sabato 23 settembre alle ore 10.00 presso il complesso di Santa Maria della Scala di Siena per la consegna del riconoscimento alla presenza dei rappresentanti di Vivafirenze.it e Travelability. il giorno dopo, domenica 24 settembre appuntamento alle ore 16.00 con la presentazione di Vivafirenze.it e il mondo “Life Beyond Tourism”. Ingresso libero ad entrambi gli appuntamenti.

VivaFirenze.it si candida ai premi “Turismo responsabile italiano” e “Turismo cultura Unesco”, edizione 2017

L’Agenzia di Viaggi è il primo network multimediale di informazione turistica in Italia, le cui pubblicazioni – sia su carta che online – si rivolgono ai professionisti del turismo, quindi in generale a tutti coloro che sono coinvolti nell’industria turistica italiana ed internazionale.

demPremi2017-600x838

Nel 2010 L’Agenzia di Viaggi ha istituito i “responsible awards”, cioè il Premio Turismo Responsabile Italiano (TRI) e il Premio Turismo Cultura UNESCO (TCU), intitolati entrambi a Cristina Ambrosini.

Il primo riconoscimento è rivolto alle aziende e ai professionisti del turismo che, attraverso il loro operato, promuovono una cultura della responsabilità e della sostenibilità: rispetto dell’ambiente, della biodiversità, della cultura e delle popolazioni locali.

Vivafirenze.it ha deciso di prendervi parte insieme a Travelability con un progetto mirato. Travelability – di cui vi avevamo già raccontato qualcosa nel post di gennaio – è leader nell’assistenza alla persona e nel turismo, ed organizza viaggi assistiti e personalizzati per tutte le persone in condizioni di disabilità, di non autosufficienza (anche temporanea) o con particolari esigenze sanitarie, che vogliono trascorrere un periodo di vacanza in Toscana, offrendo un supporto di assistenza di alto livello e un’esperienza unica, fuori dai circuiti tradizionali.
La sinergia tra il nostro portale e Travelability desidera quindi offrire una risposta concreta per un turismo che sia al tempo stesso sostenibile e responsabile, quindi replicabile nel tempo, possibile per le generazioni future, attento ad un patrimonio da scoprire ma anche da preservare, ai territori, alle comunità locali, al viaggiatore, nel senso più in particolare di un’accessibilità per tutti, perché la bellezza sia davvero fruibile e patrimonio di ciascuno.

Vivafirenze.it ha scelto di candidarsi anche al secondo premio, poiché rivolto alle aziende e ai professionisti del turismo che, attraverso il loro operato, promuovono città, siti e territori nazionali e internazionali inseriti nella World Heritage List. Il centro storico di Firenze è stato iscritto nella lista del patrimonio mondiale nel 1982. Ricordiamo poi che – nei dintorni di Firenze – fanno parte dei siti Unesco anche San Gimignano dal 1990, le Ville Medicee da giugno 2013, ed infine il Parco Nazionale e la Riserva Integrale di Sasso Fratino proprio da luglio di questo anno, designato per la sua importanza ecologica e conservazionistica.
La cerimonia di assegnazione dei due riconoscimenti si svolgerà sabato 23 settembre nell’ambito del WTU – World Tourism Unesco, a Siena, presso il Complesso Museale di Santa Maria della Scala.

Il cicloturismo: una nuova proposta di turismo slow

Recentemente si sente parlare spesso di cicloturismo. Cos’è innanzitutto?
L’Enit – Agenzia nazionale italiana del turismo – definisce il cicloturismo come “il turismo praticato viaggiando in bicicletta”. Un modo alternativo per avvicinare “luoghi e persone”, attraverso viaggi itineranti o gite giornaliere, senza motivazioni agonistiche, lungo percorsi prevalentemente facili, su strade a scarso traffico o riservate alle biciclette.

Il cicloturismo propone quindi per sua natura un viaggio lento, in cui gli spostamenti non solo sono a misura d’uomo, ma diventano essi stessi la meta, il cuore, del viaggio. Viaggio sostenibile, che permette di godere del rapporto diretto con l’ambiente preservandolo, realizzando una relazione più profonda non solo con il paesaggio, ma anche con le persone e con la cultura dei territori visitati.
Inoltre, grazie al cicloturismo, si riescono a valorizzare luoghi meno conosciuti, con ricadute positive sulle economie locali. Porta pertanto con sé sia una valenza economica che socio-culturale.

Anche una città come Firenze propone un percorso cicloturistico davvero ricco ed interessante per scoprire luoghi sconosciuti. Si tratta dell’Anello del Rinascimento. Si parte e si arriva al castello di Calenzano lungo un percorso lungo ben 172 km, suddiviso in sedici tappe, che circonda la città e che ha il suo fulcro ideale nella Cupola del Duomo della città – opera di Brunelleschi.
Attraverso boschi, colline e sentieri immersi nella natura, incrocia monasteri, castelli, pievi di campagna, antichi centri murati, spedali per ospitare i pellegrini, tratti di strade risalenti al periodo romano o medievale. Ogni tratto comunque, se percorso separatamente, offre la possibilità di raggiungere Firenze grazie a collegamenti con i mezzi pubblici.
Sicuramente un modo straordinariamente insolito – ed alla portata di tutti – di visitare Firenze e di apprezzarne la storia e le tradizioni, ma anche l’ambiente, ponendosi in armonia con lo stesso.

shutterstock_177964847

Il cicloturismo con la sua lentezza ed i suoi percorsi alternativi permette di assaporare il viaggio, inteso come spostamento, e tutto ciò che ne fa parte, scoprendolo e arricchendo i viaggiatori grazie alla conoscenza vissuta dello stesso.
Per dirla un po’ con le parole di Monsieur Ibrahim, mentre con un’automobile rossa attraversa insieme a Momo tutta l’Europa in direzione sud, senza prendere l’autostrada perché «sono buone per gli sciocchi che vogliono andare il più velocemente possibile da un punto all’altro» (dal romanzo Monsieur Ibrahim e i fiori del Corano, di Eric-Emmanuel Schmitt).

Ecco una selezione di strutture ricettive che si trovano lungo il percorso:

 

Calenzano (partenza e arrivo anello, tappe 1 e 8)

 

La Certosa (tappe 6 e 7)

 

Signa (tappa 8)

Ecoturismo fa rima con rispetto dell’ambiente e delle comunità locali

Il termine ecoturismo fu coniato nel 1988 dall’architetto messicano Hector Ceballos-Lascurain che lo definì come il “viaggiare in aree naturali relativamente indisturbate o incontaminate con lo specifico obiettivo di studiare, ammirare e apprezzarne lo scenario, le sue piante e animali selvaggi, così come ogni manifestazione culturale esistente (passata e presente) delle aree di destinazione”.

da fiesole shutterstock_122441557

Oltre un decennio più tardi, nel 2002, dichiarato dalle Nazioni Unite “anno dell’ecoturismo”, si tenne il summit mondiale nel Quebec in Canada. In tale occasione i delegati di 132 nazioni approvarono il testo della “Quebec Declaration on Ecotourism”, in cui il concetto di ecoturismo fu ampliato, comprendendo non solo il rispetto dell’ambiente, ma anche quello per le comunità locali, sotto gli aspetti culturali, sociali ed economici.
In tale prospettiva, la domanda dei viaggiatori relativamente alla fruizione delle diverse risorse dei luoghi visitati deve essere conciliata con l’esigenza di garantirne l’integrità, accrescendone anzi le potenzialità nel futuro.

L’ecoturismo, ruotando intorno ad una definizione biocentrica, punta quindi ad uno sviluppo sostenibile del settore turistico, cercando di ridurre il degrado delle risorse naturali, preservando i saperi e la cultura locali, senza richiederne un adattamento alla domanda turistica, ma anzi invitando alla sua scoperta ed accoglienza.

Una delle definizioni attualmente maggiormente condivise è quella dell’International Ecotourism Society che recita: “l’ecoturismo è un modo responsabile di viaggiare in aree naturali, conservando l’ambiente e sostenendo il benessere delle popolazioni locali”.

Numerosi i punti di contatto con la filosofia alla base del portale di Vivafirenze, che sposa la compatibilità socio-culturale, ma anche quella ambientale, come condizioni fondamentali del viaggio, così come centrale è l’attenzione per le comunità locali e per il loro sviluppo economico.

Per concludere si segnala la cooperativa toscana “Walden viaggi a piedi” www.waldenviaggiapiedi.it, che propone viaggi a piedi in tutto il mondo, perché “camminando senza fretta si possono scoprire i luoghi passo dopo passo… camminare fa star bene, invita al confronto, alla condivisione, al contatto vero tra le persone”. Per Walden è fondamentale “camminare solitamente in piccoli gruppi per condividere l’esperienza del viaggio e conoscere la cultura e le tradizioni dei luoghi anche attraverso incontri con la gente del posto”.

Heritage for Planet Earth: la 19° assemblea della Fondazione Romualdo Del Bianco

11-12 marzo, Centro Congressi al Duomo, Firenze: 19° assemblea generale degli esperti internazionali della Fondazione Romualdo Del Bianco e convegno internazionale HERITAGE for PLANET EARTH®.

Cartolina_Heritage_for_the_planet

Il convegno è avvenuto alla presenza di 250 partecipanti da 48 paesi, provenienti da 104 città dei 5 continenti, e ha visto la partecipazione di Regione Toscana, Comune di Firenze, Unesco, Unwto, Iccrom, Icomos, Icom, esperti Nasa ed Esa – Ente Aereospaziale Europeo -, con 62 patrocinatori.

Ruotando attorno alla centralità della parola cultura, si è approfondito il tema delle comunità coinvolte nell’industria del viaggio, denominate dalla Fondazione “Learning Communities”. Esse sono costituite da residenti, viaggiatori, fornitori dei servizi sul territorio, istituzioni culturali, intermediari, autorità ed amministrazioni pubbliche, centri di ricerca, istituzioni di formazione ed educazione, progettisti che devono dare risposte strutturali alle esigenze del mercato.

Il mercato vuole imporre le sue regole e la sua direzione di sviluppo in modo uniforme e rispondendo alla sola logica del profitto.

Ogni area geografica invece può proporre il proprio patrimonio culturale e naturale, in particolare i Siti Patrimonio Mondiale UNESCO che presentano caratteristiche di eccezionale valore universale e attirano visitatori da tutto il mondo. E soprattutto hanno la possibilità di promuovere il dialogo multiculturale, dando un contributo tangibile alla comunità internazionale. Si deve puntare a proporre una nuova offerta commerciale basata su una nuova etica per la crescita della comunità internazionale, attraverso in particolare proposte utili anche per la tutela dell’ambiente, proteggendolo dalle modifiche di mercato che potrebbero imporre uno sviluppo non sostenibile.

L’obiettivo è quindi in generale quello di far sì che ogni area geografica acquisti consapevolezza e conoscenza di sé, e determini in modo autonomo le proprie linee guida di sviluppo riducendo il rischio di essere dominata da un mercato uniformante nelle proprie dinamiche, che non valorizza spesso le realtà e le peculiarità locali e che allontana le risorse senza distribuirle ma concentrandole, in una logica di mero utile, unico obiettivo della macchina turismo dei servizi e dei consumi.
Se invece essenziali divengono il viaggio, il viaggiatore, il patrimonio, le comunità locali, sarà possibile proporre una diversa offerta commerciale e culturale, nell’ambito di un’etica orientata allo sviluppo culturalmente e ambientalmente sostenibile della comunità internazionale nel contesto della convivenza pacifica e nel rispetto per il Pianeta Terra.

2017: anno del turismo sostenibile. 2013-2022 decennio internazionale del riavvicinamento tra culture. Un concetto diverso di turismo ed una strutturazione differente di viaggio possono favorire il dialogo tra culture. Questa l’intuizione iniziale del presidente Paolo Del Bianco: il patrimonio – da preservare e conservare per le generazioni future – come strumento di avvicinamento e dialogo. Il reddito prodotto dai flussi dei viaggiatori mantenuto a livello locale e reinvestito nel territorio meta del viaggio. Il business come strategia e non come obiettivo. La valorizzazione culturale, la promozione del dialogo interculturale uno degli obiettivi del millennio condiviso e concretamente realizzato da Fondazione Romualdo Del Bianco.

 

Siglato un protocollo di intesa con Toscana Promozione Turistica, nel segno di un turismo positivo e sostenibile

Un protocollo di intesa che individua comuni obiettivi e comuni valori relativamente a turismo, valorizzazione del territorio e del patrimonio artistico della Toscana: è stato siglato ieri lunedì 3 aprile 2017 dalla Fondazione Romualdo Del Bianco® e dall’agenzia regionale Toscana Promozione Turistica nel contesto della presentazione del portale Vivafirenze alla BIT – Borsa Internazionale del Turismo.

È una firma importante, che raccorda il lavoro ultradecennale della Fondazione fiorentina senza scopo di lucro, impegnata a livello internazionale nella promozione e divulgazione di ricerche, studi e convegni finalizzati al dialogo tra culture attraverso la tutela del patrimonio culturale e artistico di Firenze e della Toscana, con il lavoro dell’agenzia regionale toscana per il turismo, fortemente orientata a promuovere il complesso dell’economia regionale sui mercati esteri e in particolare a valorizzare e promuovere l’offerta turistica della Toscana.

(firma del protocollo: a sinistra Alberto Peruzzini, direttore di Toscana Promozione Turistica, a destra Paolo del Bianco, presidente della Fondazione Romualdo Del Bianco)

“Siamo in sintonia con la Fondazione Romualdo Del Bianco e con questo tipo di approccio al turismo, che instaura relazioni positive tra le persone in viaggio e le comunità che le accolgono. L’industria del turismo deve andare oltre una valutazione di bilancio economico, ci vuole una nuova economia, che consideri la sostenibilità e la qualità del viaggio” ha dichiarato Stefano Ciuoffo, Assessore al Turismo della Regione Toscana.

“La firma di questo protocollo” ha proseguito Alberto Peruzzini, direttore di Toscana Promozione Turistica “sigla una consonanza di valori e di vedute con la Fondazione Romualdo Del Bianco nell’approccio al turismo. La Toscana intende muoversi con visioni ampie e prospettiche, ha bisogno di partner qualificati con cui immaginare e disegnare il turismo che verrà, anticipando i movimenti del mercato e proponendo una trasmissione di valori attraverso una scoperta del nostro territorio che sia sostenibile”.

Nella pratica l’accordo tra l’ente pubblico e quello privato costituisce l’inizio di un cammino condiviso nel realizzare e promuovere una forma innovativa di turismo, dove il viaggio è un mezzo e non il fine, dove l’obiettivo ultimo è la valorizzazione del territorio, la sua conoscenza, la sua visibilità.
“Il treno del turismo fatto di beni e consumi è giunto al capolinea” ha commentato Paolo Del Bianco, Presidente della Fondazione Romualdo Del Bianco: “Oggi dobbiamo far partire il treno del turismo di valori. Ogni viaggio è un’occasione eccezionale di scambio tra culture, di avvicinamento. Vorremmo che il nostro viaggiatore diventi un “residente temporaneo” del luogo che visita, per apprezzarne i valori come fosse un residente. È questa il grande tema, cogliere la potenzialità di un viaggio nel senso dell’incontro e della conoscenza. Solo così potremo raccogliere le sfide che ci pone l’industria del turismo e il tema della sua sostenibilità rispetto ai territori”.

La Fondazione Romualdo Del Bianco ha studiato e poi codificato un nuovo modello teorico di approccio al turismo, denominato “Life Beyond Tourism®”, concretizzato in un portale internazionale e in numerose pubblicazioni: il viaggio è fonte di conoscenza e se opportunamente orientato e gestito, è una inesauribile fonte di opportunità, non solo economiche, ma anche di tutela e salvaguardia del patrimonio culturale e occasione di dialoghi tra persone e culture.

Dal modello “Life Beyond Tourism” è già nato il portale di prenotazioni alberghiere Vivafirenze.it, che permette di prenotare un soggiorno nel capoluogo toscano a prezzi competitivi e partecipando, con la sola prenotazione e senza costi aggiuntivi, alla conservazione del patrimonio, finanziando soggetti locali che lavorano al restauro di beni o attività similari. Il portale è un progetto pilota, una “best practice” di “Life Beyond Tourism”, che ambisce a diventare in breve tempo un portale regionale. In questo senso il protocollo di intesa con l’amministrazione regionale è una partnership importante tra pubblico e privato che rinforza il perseguimento di obiettivi culturali legati al settore turismo.

Vivafirenze.it, la best practice di “Life beyond tourism” alla BIT 2017

In questa occasione viene proposto un incontro che mette sulla bilancia business e sostenibilità: un connubio perfetto che parte dalla Toscana con il portale Vivafirenze.it

Pom Angers
(foto di Pom Angers)

Hai mai pensato di poter contribuire con il tuo viaggio alla conservazione del patrimonio artistico di Firenze? Ci ha pensato www.vivafirenze.it, il primo portale innovativo di prenotazioni turistiche che consente di prenotare il soggiorno con facilità e convenienza e di sostenere un progetto di restauro o di valorizzazione dei beni artistici del capoluogo toscano senza ulteriori costi per il viaggiatore.

Bastano pochi click per supportare la cultura di Firenze e per trasformare semplicemente la prenotazione del tuo soggiorno in un gesto significativo per la città in un nuovo modello di business che eleva i viaggiatori e qualifica il territorio.

Vivafirenze.it, in occasione della prossima BIT a Milano – la più importante fiera del turismo in Italia – presenterà presso lo stand Toscana Promozione Turistica un incontro dal tema “Business e sostenibilità: parte dalla Toscana Vivafirenze.it by Life Beyond Tourism” per riflettere e discutere su un futuro possibile, ben oltre il turismo dei servizi e dei consumi, verso un viaggiare più consapevole e sostenibile, nel rispetto e nella tutela dei territori. L’incontro sarà moderato dal Direttore del Touring Club Silvestro Serra e interverranno Paolo Del Bianco (Presidente Fondazione Romualdo Del Bianco® Life Beyond Tourism®), Sara Piombanti e Silvia Poledrini (Responsabili Marketing e Sviluppo di Vivafirenze.it), Alberto Peruzzini (Direttore Toscana Promozione Turistica) e Stefano Ciuoffo (Assessore al Turismo Regione Toscana).

Vivafirenze.it si presenta come un business innovativo nel settore turistico che nasce da un progetto culturale che gli attribuisce un’anima, una serietà accademica ed un respiro internazionale, replicabile in altre destinazioni del mondo nell’ambito dell’orientamento Life Beyond Tourism, la startup a vocazione sociale nata a Firenze dalla Fondazione Romualdo Del Bianco per migliorare la qualità dell’esperienza del viaggio rendendolo sostenibile, consapevole e partecipativo. Fin dal 1991 l’azienda ha avviato progetti ed attività per sostenere il Patrimonio Culturale e per favorire la conoscenza interpersonale dando al turismo un rinnovato senso, quello poi approdato nel movimento Life Beyond Tourism.

La gestione del portale Vivafirenze.it oggi è stata affidata a un gruppo di lavoro dinamico e assai motivato tramite l’assegnazione di un bando di concorso rivolto a giovani imprenditori, startup e professionisti del marketing e della comunicazione.

Da questa innovativa case history si deducono i concetti chiave che il turismo del futuro dovrebbe fare propri per un suo sviluppo sostenibile e consapevole. Il dialogo interculturale, la valorizzazione del patrimonio storico-artistico, l’esperienza di viaggio come momento privilegiato di conoscenza sono tutti valori che rientrano da sempre nell’ideale di ospitalità promosso da Life Beyond Tourism e messo in pratica concretamente da Vivafirenze.it.

La presenza alla BIT di Vivafirenze.it sarà anche un momento di condivisione con le istituzioni locali grazie alla sottoscrizione di un protocollo d’intenti che verrà siglato il giorno dell’incontro con Toscana Promozione Turistica, Agenzia Regionale Toscana per il turismo. Un passo importante a dimostrazione che anche nel turismo dei servizi e dei consumi è plausibile proporre un modello diverso, un’alternativa che risponde alle esigenze dei abitanti, alle necessità dei territori e ai desideri in parte inespressi dei viaggiatori.

Vivafirenze.it cavalca il 2017 come anno del turismo sostenibile per lo sviluppo, creando un’interazione positiva tra industria del turismo, comunità locali e viaggiatori e proponendosi come prototipo di sostenibilità al fine di preservare i luoghi visitati con ricadute positive anche a livello sociale.

Sostenibilità è quindi rispettare le terre visitate, conservare il patrimonio e mantenere le condizioni di vivibilità delle città ipotizzando anche una regolamentazione dei flussi turistici, al fine di preservare i territori e farli meglio apprezzare dagli ospiti.

Ma l’anima di Vivafirenze.it è anche l’enorme scambio culturale e le numerose occasioni di dialogo e di incontro che si instaurano viaggiando.

Appuntamento quindi all’incontro con Vivafirenze.it in BIT in cui si parlerà di Business e Sostenibilità e per esplorare nel dettaglio un nuovo modo di fare turismo a Firenze che associa al business inteso come strategia, anziché come obiettivo, la cura e la tutela del patrimonio artistico, architettonico e culturale che poche città al mondo possono vantare e una bellezza incomparabile, che spinge ogni anno turisti da tutto il mondo a visitare.

Vivafirenze.it si presenta alla BIT – Borsa Internazionale del Turismo
Lunedì 3 Aprile alle ore 14.00 presso lo stand Toscana Promozione Turistica Pad.4 C37- C41/F36-F42

Vivafirenze e AITR insieme con uno stesso obiettivo: diffondere una nuova cultura del viaggio

La fine di Febbraio porta a Vivafirenze.it un’importante novità: si è infatti avviata una collaborazione con AITR, Associazione Italiana Turismo Responsabile. Una tavola rotonda che si è tenuta a Febbraio a Firenze presso Palazzo Coppini, sede del nostro portale, ha fatto emergere subito una straordinaria consonanza di valori, attitudini, visione del viaggio e del viaggiatore.
Superando infatti la concezione di turista distratto e superficiale, chi viaggia si riscopre coinvolto in una dinamica complessa in cui tutti devono rispettare e preservare gli equilibri per una sostenibile e redditizia sopravvivenza di tutti i protagonisti coinvolti nell’esperienza turistica.

Dal termine “turismo” l’accento si sposta sulla parola “viaggio”: la conoscenza, la scoperta, le emozioni di luoghi nuovi, incantati, ricchi d’arte, devono essere inseriti in modo sinergico nella relazione con i viaggiatori e le comunità locali, affinché nessuno sia impoverito o privato di qualcosa, ma l’esperienza sempre più diffusa, continua e comune del viaggiare arricchisca, migliori e valorizzi tutti gli attori coinvolti, con un’attenzione al contesto in cui l’avventura del viaggio avviene che è l’ambiente.

Da tutto ciò l’idea e la volontà di cooperare insieme.

AITR è un’associazione di secondo livello che raggruppa associazioni, organizzazioni e cooperative che svolgono attività nel campo del turismo responsabile.
Non persegue scopo di lucro, né diretto né indiretto. Opera per promuovere, qualificare, divulgare, ricercare, aggiornare, tutelare i contenuti culturali e le conseguenti azioni pratiche connessi alla dizione “turismo responsabile”, promuove la cultura e la pratica di viaggi di Turismo Responsabile e favorisce la conoscenza, il coordinamento e le sinergie tra i soci.

Vivafirenze ed AITR avvieranno una partnership che sarà resa nota attraverso la reciproca presenza dei loghi delle due realtà sui siti proprietari. Si scambieranno notizie e soprattutto sarà possibile partecipare alle varie attività, progetti ed iniziative svolte da ciascuna. Ad esempio, per il 2 giugno, giornata mondiale del turismo responsabile, che dedica le varie edizioni ad un tema diverso, Vivafirenze.it entrerà a far parte delle iniziative proposte ai viaggiatori da AITR.

Altro interessante e notevole settore di collaborazione sarà poi quello della formazione: Istituto Life Beyond Tourism, di cui Vivafirenze.it è ormai noto esserne best practice, e AITR prepareranno e terranno assieme corsi per enti ed Università internazionali.

Un portale non profit ed un’associazione impegnata nel diffondere i valori di un turismo responsabile insieme perché ogni viaggio lasci un dono in ogni viaggiatore e in ogni terra visitata.

Picture by Dom Weeks

Si inaugura l’anno del turismo sostenibile: viaggiare è per tutti e contribuisce al benessere del territorio

2017 Anno Internazionale del Turismo Sostenibile: è una dichiarazione dell’ONU, Organizzazione delle Nazioni Unite, che impegna tutti gli operatori del settore turistico, per dirla con le parole del segretario generale dell’Organizzazione Mondiale per il Turismo, Taleb Rifai, a “migliorare il contributo del settore turismo ai tre pilastri della sostenibilità - economica, sociale e ambientale – e di risvegliare l’attenzione dell’opinione pubblica sulle reali dimensioni di questo importante settore che spesso è sottovalutato”.

La risoluzione, adottata il 4 dicembre 2015, riconosce l’ “importanza del turismo internazionale, e in particolare la designazione di un anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo, nel promuovere il tema fra il maggior numero di persone possibile, nel diffondere consapevolezza della grande patrimonio delle varie civiltà e nel portare al riguardo un miglior apprezzamento di valori intrinsechi delle diverse culture, contribuendo così al rafforzamento della pace nel mondo”.

Se ne parlerà a Firenze venerdì 27 gennaio con un evento voluto da Travelability, Regione Toscana e Federalberghi. Abbiamo chiesto a Travelability di raccontarci la sua mission e i suoi obiettivi. Anche loro, come noi di Vivafirenze, sono impegnati in una sfida che riguarda un turismo più giusto e equo per tutti.

“Travelability si costituisce a Firenze con l’obiettivo di creare un nuovo sistema di turismo accessibile in Italia, rivolto a tutte quelle persone che nell’affrontare un viaggio hanno bisogno di un supporto turistico e/o assistenziale. L’idea nasce dai suoi fondatori ispirandosi a un modello di turismo che sta prendendo sempre più campo nei paesi anglosassoni, nell’intento di superare tutte quelle barriere e difficoltà che si possono incontrare nell’organizzazione di un viaggio in caso di non autosufficienza”.

sito di travel-abilityhome page di travel-ability.com

Il motto di questa società di servizi è “Beyond the Challenges”, andare oltre le sfide e le difficoltà iniziali permettendo a tutte le persone di viaggiare e di sentirsi libere, realizzando finalmente quel soggiorno in Italia da tempo desiderato, ma rinviato per il timore di non trovare all’estero l’attenzione che si ha a casa propria.

Il viaggio permette di conoscere non solo altri mondi e culture, ma anche di aprire la propria mente, mettendosi in gioco; questo è la mission di Travelability che VivaFirenze sposa appieno e si appresta a vivere con i viaggiatori in arrivo a Firenze l’anno internazionale del turismo sostenibile.

Vivafirenze.it e Barberino Designer Outlet: viaggia a Firenze e regalati lo shopping scontato

Cosa c’è di più bello che rientrare da un viaggio e avere la valigia più pesante di quando si è partiti? A Vivafirenze.it ci piace esaudire i vostri desideri e quindi regaliamo ai nostri un trattamento speciale al Barberino Designer Outlet.shopping a Barberino Continua a leggere

Vinci Firenze con le foto di “Travel and Dialogue for Expo 2015″

Vivafirenze.it è orgoglioso partner di una iniziativa promossa dalla Fondazione Romualdo Del Bianco di Firenze in occasione dell’Esposizione Universale che si svolge a Milano dallo scorso Maggio.

Il concorso fotografico “Travel and Dialogue for Expo 2015. Nutrire il pianeta, energie per la vita” è occasione per declinare il tema caratterizzante di EXPO2015 attraverso opere fotografiche originali inserite sul portale culturale www.lifebeyondtourism.org.

Travel and Dialogue

La partecipazione è gratuita e aperta a tutti coloro che attraverso uno scatto riflettano sui temi dell’educazione e valorizzazione del patrimonio alimentare, ambientale e culturale del territorio e su come paesaggio e produzione alimentare siano parte del patrimonio culturale e espressione di un luogo. La fotografia che sarà più votata dagli utenti della community del photoblog riceverà un generoso premio composto da:

• Life Beyond Tourism® AWARD €500,00
• Pubblicazione della Foto nel Magazine della Community Life Beyond Tourism®
• Certificazione del risultato, consegnato durante la cerimonia di inaugurazione della mostra di una selezione di fotografie a Firenze
• Voucher per due notti per due persone nelle strutture Pilot Scheme Life Beyond Tourism® (Hotel 4 Stelle)spendibile durante tutto il 2015

Potete caricare le foto nell’apposita pagina a questo link entro il 10 luglio 2015 e votare le vostre preferite fino al 20 luglio 2015.

Photocontest  Travel and Dialogue for Expo 2015. Feeding the Planet  energy for life    Photoblog   Life Beyond Tourism

Vivafirenze.it è applicazione pratica dell’orientamento Life Beyond Tourism promosso dalla Fondazione Romualdo Del Bianco che promuove il dialogo interculturale a livello mondiale, attraverso la valorizzazione del patrimonio culturale, il turismo e il viaggio.

Siete già stati a Firenze? Tra gli scatti di quel viaggio potrebbe esserci la vincitrice.
Sognate da sempre di visitare Firenze? Questa è l’occasione buona per provarci!

Piccola guida al lungo finesettimana del 2 Giugno

Il calendario ci regala finalmente un lungo ponte grazie alla festività del 2 Giugno e, complice il tempo favorevole, l’occasione di godersi Firenze e i suoi dintorni è ottima.

Preparate i vostri itinerari con i musei , le passeggiate nel centro storico e qualche sosta per lo shopping e per assaggiare la cucina toscana ma in questi quattro giorni avrete la possibilità di godervi qualcosa in più. Continua a leggere

Un Forte che è davvero Belvedere

Firenze è di per sé un museo a cielo aperto al quale aggiungiamo il patrimonio conservato nei luoghi più o meno famosi di musei e gallerie. Non è comune avere anche un’area particolare e intensa dove allestire mostre a cielo aperto come quella del Forte Belvedere, una delle due fortezze che offre una vista su Firenze dall’alto in un’atmosfera di unica tranquillità.

'Critical mass' A. Gramsley

‘Critical mass’ A. Gramsley

Continua a leggere

Vivafirenze, il primo Viva Day e un bel pezzo di Firenze

È appena passato il primo Viva Day organizzato da Vivafirenze.it. Riordiniamo le foto e le emozioni di un pomeriggio che ha segnato per noi un punto di svolta nello sviluppo di Vivafirenze.it.

L’idea del nostro portale, che unisce alle prenotazioni turistiche un meccanismo di raccolta fondi per le organizzazioni che operano nel settore del no profit a Firenze, è nata qualche anno fa all’interno della fucina di  riflessioni su viaggio e dialogo interculturale  che è la Fondazione Romualdo Del Bianco® di Firenze. Nel tempo, e grazie al nostro lavoro, l’idea è diventata pratica di un nuovo modello di sviluppo in fatto di turismo. E per il domani progetto pilota per le destinazioni nel mondo attraverso il network di beyondtourism.net, ma questa sarà un’altra storia tutta da raccontare …

Vivafirenze.it vi invita al Viva Day del prossimo 6 Giugno 2014

Vivafirenze.it vi invita al Viva Day del prossimo 6 Giugno 2014

Continua a leggere

Vivafirenze.it si rinnova: ti aspettiamo al Viva Day

Vivafirenze.it è il primo portale di prenotazione alberghiere no profit a Firenze e dintorni che sostiene concretamente il territorio e la cultura grazie al turismo.
Lavoriamo tutti i giorni per un modello di turismo alternativo e sostenibile, che regali alla città le opportunità di ricchezza e condivisione che derivano dal turismo e ne esaltino l’enorme potenzialità di sviluppo. Uno sviluppo però che non dimentichi mai la sua fonte principale e che abbia al centro del suo agire Firenze e il suo incommensurabile patrimonio.

Vivafirenze.it vi invita al Viva Day del prossimo 6 Giugno 2014

Vivafirenze.it vi invita al Viva Day del prossimo 6 Giugno 2014

Continua a leggere