Dan Brown a Firenze: arriva l’Inferno

Dopo i successi planetari del Codice Da Vinci e Angeli e Demoni, Robert Langdon, il personaggio creato dalla penna di Dan Brown, arriva a Firenze per decifrare un mistero legato a Dante Alighieri.

Il professore di storia dell’arte e di simbologia di Harvard  incontra nel romanzo la simbologia medievale e i luoghi raccontati dell’Inferno Dantesco nella Divina Commedia. Dalla copertina il Sommo Poeta ci osserva sornione e nel giro di poche pagine l’intreccio della storia ci riporta in una Firenze contemporanea che racchiude al suo interno la ricchezza e i misteri di mete così amate dai visitatori di tutto il mondo.

- Inferno

Non è un caso che la vicenda parta dal campanile trecentesco della Badia Fiorentina e prosegua nei luoghi simbolo di Firenze e che possono facilmente diventare un ottimo itinerario per il centro della città.

Si parte da Porta Romana e i vicini Giardini di Boboli con la famosa Grotta del Buontalenti. Arriviamo a Palazzo PItti, grandiosa residenza dei Medici, e attraverso il meraviglioso Corridoio Vasariano si giunge direttamente in Palazzo Vecchio.

collage

Le peregrinazioni fiorentine del protagonista si fermano al Battistero di San Giovanni ma per un vero itinerario Dantesco vi consigliamo di aggiungere il Museo Casa di Dante, la vicina Chiesa di Dante e Beatrice e ovviamente Piazza Santa Croce.

Per i lettori dei suoi romanzi e per gli appassionati di storie ambientate a Firenze ci sono due appuntamenti da segnare in agenda con Dan Brown:

  • Mercoledì 5 Giugno presentazione del libro alla Sala dei Gigli in Palazzo Vecchio
  • Giovedì 6 Giugno alle 18,30  nel Salone dei Cinquecento in Palazzo Vecchio nel programma della manifestazione “Repubblica delle Idee” con Vittorio Zucconi.

L’Inferno non è mai stato così affascinante come a Firenze!

Questo post è disponibile anche in: Inglese